III Appuntamento di Martelettur@ con Impariamo l’italiano con la musica

 

MarteLettur@ propone articoli e testi in lingua italiana tratti da fonti italiane originali, suddivisi per livello, corredati di un audio per migliorare la comprensione orale, volti a mettere in luce aspetti dell’italiano e della cultura, rivolgendo particolare attenzione al lessico, alle espressioni idiomatiche, con l’aggiunta di piccole e simpatiche pillole grammaticali. Clicca qui per maggiori informazioni.

Martelettur@ inaugura la nuova rubrica mensile: Impara l’italiano con la musica!

Livello B1

Clicca qui per scaricare il PDF 

IDENTIKIT DEL FUTURO SEMPLICE

carta identità

NOME: Futuro

COGNOME: Semplice

CITTADINANZA: Italiana

STATO CIVILE: Modo indicativo

PROFESSIONE: parlare di un’azione che ancora si deve svolgere

SEGNI PARTICOLARI: serve anche per

⇒indicare insicurezza (esprimere un dubbio o una supposizione)

⇒ dare ordini o consigli

CONNOTATI E CONTRASSEGNI SALIENTI:

Verbi regolari

  1° coniugazione

STUDIARE

2° coniugazione

TEMERE

3° coniugazione

FINIRE

io studierò temerò finirò
tu studierai temerai finirai
lui – lei studierà temerà finirà
noi studieremo temeremo finiremo
voi studierete temerete finirete
loro studieranno temeranno finiranno

 

mannoia

Ora tocca a te! Ascolta la canzone di Fiorella Mannoia “Quello che le donne non dicono” e riempi gli spazi vuoti.

 

Testo di Quello che le donne non dicono di Fiorella Mannoia

 

Ci fanno compagnia certe _ _ _ _ _ _ _ d’amore

Parole che restano con noi

E non andiamo via

Ma _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ del dolore

Che scivola, lo sentiremo poi

Abbiamo troppa _ _ _ _ _ _ _ _, e se diciamo una _ _ _ _ _

È una mancata verità che prima o poi _ _ _ _ _ _ _ _ _

Cambia il vento ma noi no

E se ci trasformiamo un po’

È per la voglia di piacere a chi c’è già o _ _ _ _ _ arrivare a stare con noi

Siamo così

È difficile spiegare

Certe giornate _ _ _ _ _, lascia stare

Tanto ci _ _ _ _ _ _ trovare qui

Con le nostre notti bianche

Ma non _ _ _ _ _ _ stanche neanche quando

Ti _ _ _ _ _ _ ancora un altro sì

In fretta vanno via della giornate senza _ _ _ _

Silenzi, che familiarità

E lasciano una scia le _ _ _ _ _ da bambine

Che tornano, ma chi le _ _ _ _ _ _ _ _ _

E dalle macchine per noi

I _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ del playboy

Ma non li sentiamo più

Se c’è chi non ce li fa più

Cambia il _ _ _ _ _ ma noi no

E se ci confondiamo un po’

È per la voglia di capire chi non _ _ _ _ _ _ più a parlare

Ancora con noi

Siamo così, dolcemente _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

Sempre più _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, delicate

Ma _ _ _ _ _ _ trovarci ancora qui

Nelle sere tempestose

Portaci delle rose

Nuove cose

E ti _ _ _ _ _ _ ancora un altro sì

È difficile spiegare

Certe giornate amare, lascia stare

Tanto ci _ _ _ _ _ _ trovare qui

Con le nostre notti bianche

Ma non _ _ _ _ _ _ stanche neanche quando ti _ _ _ _ _ _ ancora un altro sì.

Fonte: Materiale originale prodotto da Bridge Multi-Language

Postato in MarteLettur@.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *